Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

​​​Società Reale Mutua di Assicurazioni

Sede Legale e Direzione Generale

Via Corte d'Appello 11
10122 Torino (Italia)
tel. 011 4311.111
fax 011 435 0966
Email: buongiornoreale@realemutua.it
PEC: realemutua@pec.realemutua.it

Registro Imprese Torino, Codice Fiscale e N. Partita IVA 00875360018 - R.E.A. Torino N. 9806.
Iscritta al numero 100001 dell'Albo delle Imprese di assicurazione e riassicurazione.
Capogruppo del Gruppo assicurativo Reale Mutua, iscritto all'Albo dei gruppi assicurativi.
In Italia l'Autorità di Vigilanza per le assicurazioni è IVASS.
 

La situazione patrimoniale dell’impresa

Il patrimonio netto dell’Impresa è pari a 1.907 milioni di euro, di cui 60 milioni di euro relativi al fondo di garanzia e 1.847 milioni di euro relativi al totale delle riserve patrimoniali.*

L’indice di solvibilità Solvency II riferito al 31 dicembre 2016 e calcolato con formula standard è pari a 346,5%

Risparmi per attività Antifrode esercizio 2016

In ottemperanza alle disposizioni previste all’art. 30 comma 2 della legge n. 27 del 24/3/2012, si comunica che la Società stima di aver ridotto gli oneri per sinistri derivanti dall’accertamento delle frodi, a seguito della propria sistematica azione di controllo e repressione, di circa 4,6 milioni di euro. Tale stima è determinata, come da istruzioni diramate dall’IVASS con lettera al mercato del 11 marzo 2014, considerando i risparmi ottenuti a fronte di sinistri per i quali, accertata la frode, gli enti specialistici Antifrode e Aree Speciali, congiuntamente al contributo della Rete Liquidativa, hanno provveduto alla chiusura senza seguito nel corso dell’esercizio. Si segnala altresì che l’impresa, secondo criteri di elaborazione autonomamente individuati, stima di aver ottenuto un risparmio di circa 10,9 milioni di euro. Nello specifico tale importo è calcolato assumendo i risparmi degli enti specialistici Antifrode e Aree Speciali come il costo dei risarcimenti al netto di ogni integrazione a costo ultimo e al lordo delle spese di resistenza.


* I dati riportati si riferiscono al Bilancio Civilistico 2016, pubblicato il 2 Maggio 2017​