Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

Prevenire i danni causati dall'acqua

Diversi inconvenienti domestici sono legati all'acqua: allagamenti, problemi con le tubature, malfunzionamenti di elettrodomestici come la lavatrice e la lavastoviglie, ma anche problemi causati dalla muffa. Con qualche accorgimento è tuttavia possibile ridurre il rischio di incorrervi.

​​Allagamenti

Gli allagamenti domestici sono per la maggior parte dovuti a perdite di acqua di varia entità, erogazione incontrollata o sgocciolamenti di rubinetti, oppure a malfunzionamenti di elettrodomestici che utilizzano l'acqua, come la lavatrice e la lavastoviglie.

Per limitare il rischio di perdite "nascoste" puoi effettuare dei controlli periodici del sistema idraulico, o almeno stare attento a eventuali rumori di scorrimento di acqua dai tubi all'interno delle pareti: se senti un fluire continuo e irregolare, chiudi il rubinetto principale e chiama un idraulico. L'intervento dell'idraulico è indispensabile anche in caso di rottura improvvisa di condutture interne o esterne: se dovesse capitarti, chiudi subito il rubinetto centrale dell'acqua.

Approfondisci

Il rischio di dimenticare un rubinetto aperto o chiuso male può essere limitato solo dall'attenzione, mentre per i malfunzionamenti degli elettrodomestici gli accorgimenti consistono nel tenere sotto controllo il loro stato di manutenzione, in particolare di tubi flessibili e valvole, accertandoti che non ci siano crepe o perdite, ma soprattutto nel non lasciarli in funzione quando non sei in casa.

Per quanto riguarda i servizi igienici, fai caso a eventuali rumori sospetti dello sciacquone e a macchie di ruggine sulla superficie interna. In generale, fai caso a tutte le macchie di umidità o muffa sulle pareti: potrebbero indicare che i tubi all'interno perdono.

In caso di allagamento, cerca di rimuovere prima possibile l'acqua stagnante, per limitare i danni (a parquet, elettrodomestici, mobili, etc.), quindi procedi asciugando bene tappeti e oggetti personali per impedire la formazione di muffa.

 

​​Tubature

Se la temperatura si abbassa in modo repentino al di sotto degli 0°C, può succedere che le tubature si incrinino o si rompano, perché l'acqua contenuta all'interno, ghiacciandosi, aumenta di volume e le danneggia.

Approfondisci

Per prevenire questo fenomeno a livello strutturale, è bene tenere le tubature il più possibile isolate, specie se si trovano all'esterno, mentre a livello pratico quando fa molto freddo puoi tenere un rubinetto costantemente aperto, anche solo con un filo d'acqua, così da farla scorrere continuamente, impedendole di congelarsi. In alternativa, se per esempio starai fuori casa per qualche tempo, puoi chiudere il rubinetto centrale dell'acqua e aprire i rubinetti finché i tubi saranno vuoti, così da lasciare l'impianto all'asciutto e protetto dall'eventualità di un congelamento.

E se nonostante gli accorgimenti i tubi si congelano, apri tutti i rubinetti di casa: anche se c'è solo un filo d'acqua, aiuterà a sciogliere il ghiaccio. Non usare fiamme per tentare di "scongelare" i tubi: potresti danneggiarli o causare incidenti. Talvolta può bastare una coperta per tenerli al riparo dal freddo, oppure puoi utilizzare il phon per sciogliere piccoli blocchi di ghiaccio che ostruiscono il passaggio dell'acqua.

In caso di rottura di un tubo, chiudi il rubinetto centrale dell'acqua e, se riesci a isolare il punto di rottura, avvolgilo con degli stracci prima di chiamare un idraulico.

 

​​Muffa

Le antiestetiche e spiacevoli macchie di muffa sono causate dall'eccessiva umidità, ed è appunto tale fenomeno che va combattuto per evitare che si manifestino.

È quindi consigliabile utilizzare qualsiasi accorgimento per tenere gli ambienti più asciutti possibile: dal far asciugare i panni all'esterno, all'utilizzare appositi deumidificatori, finestre e materiali isolanti, al tenere sotto controllo eventuali perdite di tubature e rubinetti.

È importante anche aerare il più possibile i locali, soprattutto la cucina e il bagno, e tenere asciutte o riscaldate le superfici dove si crea condensa. Alcuni tipi di tappeti possono assorbire l'umidità, favorendo la crescita di batteri e altri agenti inquinanti, quindi è consigliabile utilizzare tappeti che possono essere lavati spesso.