Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

​​Corporate Governance

​La Corporate Governance rappresenta il sistema attraverso il quale l'impresa è gestita e controllata: essa identifica le regole e le procedure, a ogni livello, finalizzate ad assicurare la corretta gestione dell'impresa in termini di governo e controllo, e disciplina le relazioni tra i vari attori coinvolti (gli "stakeholders", ovvero i "portatori di interessi", quali i soci/assicurati, gli agenti, i dipendenti, i fornitori, ecc.).

Per Reale Mutua, gli attori principali sono i Soci ed i loro rappresentanti o Delegati, il Consiglio di Amministrazione e il management. L'efficacia dei sistemi di governo dell'impresa ne qualifica il livello di responsabilità sociale.
In questo campo, Reale Mutua pone tra i suoi principali obiettivi: ​
  • il rafforzamento della reputazione dell’impresa; ​
  • il mantenimento dei rischi ad un livello accettabile, coerente con le disponibilità patrimoniali, attraverso un'adeguato sistema di controlli interni;
  • l’equilibrio dei poteri;
  • il rispetto e la salvaguardia dell’autonomia gestionale delle Società del proprio Gruppo.

Il quadro complessivo della Corporate Governance di Reale Mutua  è definito secondo la normativa primaria e regolamentare attualmente vigente, nonché le direttive europee, ove applicabili, ed è in linea con lo Statuto Sociale.​

 

  • Gli organi sociali

     

    Reale Mutua ha adottato, quale sistema di amministrazione e controllo, il modello cosiddetto “tradizionale”, caratterizzato dalla presenza dell’Assemblea dei Delegati, costituita dai Soci Delegati, e da due Organi entrambi di nomina assembleare, il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale.​ Non è presente un Amministratore Delegato. ​​

    SCOPRI DI PIÙ »

  • Comitato per il Controllo e i Rischi di Gruppo 

    È istituito un organo con funzioni consultive e propositive in materia di sistema dei controlli interni per i Consigli di Amministrazione delle società assicurative italiane del Gruppo Reale, ai sensi dell'art. 6 del Regolamento Isvap n. 20 del 26 marzo 2008, e per i Consigli di Amministrazione delle società assicurative estere del Gruppo Reale, denominato Comitato per il Controllo e i Rischi di Gruppo. A tale organo sono altresì affidate funzioni consultive e propositive in materia di sistema di gestione dei rischi, ivi compresi quelli derivanti dalla non conformità alle norme.
    Il Comitato segue anche il sistema dei controlli interni e di gestione dei rischi, ivi compresi quelli derivanti dalla non conformità alle norme, delle società non assicurative rientranti nell'applicazione della vigilanza supplementare.
    Ai fini di un migliore e più efficace espletamento dei compiti e delle funzioni attribuiti al Comitato, quest'ultimo si avvale dell'attività delle funzioni di revisione interna, risk management, compliance e antiriciclaggio delle società assicurative del Gruppo, qualora esistenti, sia che esse siano interne alle società stesse sia affidate in outsourcing.​

  • Codice Etico

     

    Il Codice Etico del Gruppo Reale ha lo scopo di guidare chiunque operi nell'ambito del Gruppo medesimo a perseguire gli obiettivi con metodi e comportamenti corretti, leali e coerenti con la cultura d'impresa, plasmata dalla natura mutualistica della Capogruppo. Il nostro agire non è unicamente fondato sul puntuale rispetto delle norme vigenti, ma si concretizza anche nell'osservanza dei valori fondamentali del Gruppo, volti a generare comportamenti eticamente corretti e trasparenti verso tutti i portatori di interesse che interagiscono con esso. 

    SCOPRI DI PIÙ »

Per quanto riguarda il sistema dei controlli interni e di gestione dei rischi:

  • Sistema dei controlli interni

    La Società dispone di un adeguato sistema dei controlli interni, proporzionato alla natura, alla portata e alla complessità dei rischi aziendali, attuali e prospettici, inerenti all'attività dell'impresa. Il sistema dei controlli interni e di gestione dei rischi è costituito dall'insieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative volte ad assicurare il corretto funzionamento e il buon andamento dell'impresa e a garantire, con ragionevole margine di sicurezza: ​​
    • l'efficacia e l'efficie​nza dei processi aziendali;
    • l'adeguato controllo dei rischi attuali e prospettici;
    • la tempestività del sistema di reporting delle informazioni aziendali;
    • l'attendibilità e l'integrità delle informazioni contabili e gestionali;
    • la salvaguardia del patrimonio anche in un'ottica di medio-lungo periodo;
    • la conformità dell'attività dell'impresa alla normativa vigente, alle direttive e alle procedure aziendali.​

    La struttura di controllo della Società è articolata su tre livelli:

    • controlli di primo livello: sono diretti ad assicurare il corretto svolgimento delle operazioni
      nel perseguimento degli obiettivi assegnati; sono effettuati dalle strutture organizzative responsabili delle attività e/o da altre funzioni appartenenti al medesimo settore e rappresentano il presidio principale del processo di gestione e controllo dei rischi;
    • controlli di secondo livello: rappresentano l'insieme di attività svolte da funzioni/organi (ad esempio, Risk Management, Compliance, Antiriciclaggio​) che, in posizione indipendente dai responsabili degli altri processi, hanno il compito di monitorare, in via sistematica, l'andamento delle diverse famiglie di rischio, dell'operatività e dell'adeguatezza dei controlli di primo livello;
    • controlli di terzo livello: sono rappresentati dall'attività di Revisione Interna, volta a verificare la completezza, l'efficacia e l'efficienza del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel suo complesso.​
  • Le funzioni di controllo

     
  • Sistema di gestione dei rischi

     

    L'approccio al rischio della Società, in aggiunta agli aspetti normativi e ai criteri di una sana e prudente gestione, non può prescindere dalla sua natura mutualistica. Tale caratteristica e l'obiettivo di mantenere la piena autonomia e indipendenza da centri esterni di controllo e di capitalizzazione rendono centrali nella strategia della Società la continua evoluzione del sistema di gestione del rischio, quale elemento fondamentale per lo sviluppo e la continuità dell'impresa stessa.
    Il sistema di gestione dei rischi della Società è costituito dalle strategie, processi, procedure, metodologie e strumenti che consentono di individuare, misurare, monitorare, documentare e gestire i rischi su base continuativa. L'obiettivo del sistema di gestione dei rischi consiste nel mantenere i rischi a cui la Società è esposta ad un livello accettabile, definito attraverso la propensione e la tolleranza al rischio stabilite dalla Società in coerenza con l'obiettivo di salvaguardia del patrimonio della stessa a garanzia della continuità aziendale e della conseguente protezione nei confronti degli assicurati.
    Il quadro di riferimento per lo sviluppo dei processi di gestione dei rischi si concretizza attraverso la definizione dei seguenti elementi fondanti:

    • i criteri di identificazione, misurazione, gestione, reporting e controllo dei rischi aziendali;
    • i livelli di propensione e tolleranza al rischio (c.d. Risk Appetite Framework - RAF);
    • il modello organizzativo del sistema di gestione dei rischi;
    • le strategie e le politiche di assunzione, valutazione e gestione dei rischi;
    • l'integrazione del sistema di gestione dei rischi con i processi decisionali.

    Tale quadro di riferimento è formalizzato nel documento "Politiche di gestione dei rischi" definito a livello di Gruppo, e approvato da tutte le imprese rientranti nel perimetro del Gruppo assicurativo.

  • Modello di organizzazione, gestione e controllo
    ai sensi del D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e l'Organismo di Vigilanza della Società

     

    La Società Reale Mutua di Assicurazioni, sensibile all'esigenza di assicurare condizioni di correttezza e trasparenza nella conduzione delle attività aziendali e consapevole dell'importanza di dotarsi di un sistema di controllo idoneo a prevenire la commissione di comportamenti illeciti, ha deliberato l'adozione del Modello di Organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/2001 nella seduta del Consiglio di Amministrazione del 10 dicembre 2004, costituendo nel contempo l'Organismo di Vigilanza atto a valutare l'adozione e l' efficace adozione del Modello stesso ai sensi del Decreto.
    Il Modello della Società, documento in continuo divenire, è un sistema strutturato ed organico di procedure, regole comportamentali e disposizioni organizzative che pervade l'intera l'attività aziendale. A seguito dei cambiamenti legislativi e organizzativi successivi alla prima redazione del documento, il Consiglio di Amministrazione provvede, quando ve ne sia l'esigenza, all'aggiornamento del Modello stesso. ​Alle dipendenze del responsabile della funzione di Internal Audit della Compagnia opera l'Ufficio Responsabilità Amministrativa Enti (cosiddetta "Compliance Officer" 231/2001) che svolge un ruolo di supporto all'Organismo di Vigilanza.